sabato 14 aprile 2018

Bottega Verde, Pepe Rosa.

Qualche settimana fa sono entrata da Bottega Verde perché ero in cerca di uno stick per labbra che non fosse il solito senza odore/sapore ma nemmeno uno di quelli dolcissimi e nauseanti.
Ne sono uscita con uno stick per labbra al Pepe Rosa. Ero un po' scettica, lo ammetto, ma era in offerta e mi sono lasciata convincere.
A distanza di giorni posso dire di essermi invece trovata molto bene. Io che di solito uso burrocacao e stick per labbra al massimo per due giorni e poi li accantono nauseata lo sto usando quotidianamente con gran gioia delle mie labbra.

La scorsa settimana sono tornata al negozio e l'occhio mi è caduto sui deodoranti, altro tasto per me molto dolente. Non amo i profumi forti, penso si sia capito, e quando ho visto che ne esisteva uno al Pepe Rosa ho deciso di provarlo. Come lo stick per labbra nessuna delusione, anzi. Molto delicato e svolge il suo lavoro egregiamente.


Ci tengo a precisare che i prodotti di cui vi ho parlato li ho acquistati e provati davvero, purtroppo non ho foto fatte da me perché il mio portatile deve andare in riparazione e sul fisso non ho la porta per la SD perciò non posso scaricare le foto dalla fotocamera. Appena possibile le aggiornerò con foto fatte da me.

A presto!!

Elisa

P.S. Non so come siano gli INCI di questi prodotti ma sinceramente non seguo molto queste caratteristiche dei prodotti cosmetici, non sono una beauty blogger e lascio a loro il compito di darvi questo tipo di informazioni.


lunedì 9 aprile 2018

La Crostata più buona del mondo!

Questa è la frase che sento pronunciare ogni volta che preparo questa crostata e qualcuno la assaggia per la prima volta.
Una ricetta a cui sono molto affezionata e che uso con sicurezza ogni volta che devo preparare un dolce da portare da qualche parte o se ci sono ospiti.
Se siete amanti delle crostate croccanti questa allora non fa per voi, se invece amate le crostate burrose, friabili e gustose provatela, non ve ne pentirete di sicuro.
La ricetta della base potete usarla sia per la classica crostata con marmellata, sia per la crostata di frutta con la crema e anche per una deliziosa crostata alla crema di nocciole.



Ingredienti per la base
200 gr di farina
1 uovo intero + 1 tuorlo
125 gr di zucchero
125 gr di burro freddo di frigorifero
1/2 (mezzo) bicchiere di olio EVO
2 cucchiai di vino bianco
1/2 (mezza) bustina di lievito per dolci istantaneo

Per la farcitura
Marmellata, Crema o Crema di Nocciole

Procedimento
Mettete la farina e il burro freddo di frigorifero dentro una ciotola e impastate con le mani fino ad ottenere un impasto molto sabbioso. Aggiungete zucchero, sale, lievito, olio, vino bianco e infine le uova. Impastate velocemente.
Per questa ricetta non è necessario il riposo in frigorifero (se la usate in estate sicuramente farla riposare qualche minuto in frigorifero vi aiuterà).
Stendete dentro la teglia, bucherellate con una forchetta e coprite di marmellata. Forno statico, preriscaldato a 180° per 25/30 minuti. Se al posto della marmellata volete farcirla con la crema alle nocciole o con la crema pasticcera (per una crostata di frutta ad esempio) stendete la base, bucherellatela con una forchetta e coprite con un foglio di carta forno e dei legumi secchi, fate cuocere sempre in forno statico, preriscaldato a 180° per 15/20 minuti circa. Farcite dopo la cottura.

Buon appetito!!

Elisa

venerdì 30 marzo 2018

Torta con Crema al latte e Pesche

Ad ogni compleanno in famiglia il mio compito è la torta.
Ognuno ha le sue preferenze, chi con la crema, chi con la crema al cioccolato, chi la Sacher e chi invece vuole la frutta, e a me ogni volta tocca inventare qualcosa di diverso per accontentare tutti... sia chiaro, lo faccio con piacere e mi diverto!
La scorsa estate ho preparato la torta per il compleanno di mio papà e per una volta ho deciso di accontentare anche chi appunto non ama il cioccolato. Per cui una buona torta di base, una delicata crema al latte, delle pesche dolci e mature e della frutta fresca. La torta era sublime, la crema ha assorbito il sapore delle pesche ed è diventata una vera crema alle pesche, un successone!


Vi posto qui la ricetta della crema e il procedimento per farcirla, per il pan di spagna potete tranquillamente usare la vostra ricetta. Io non amo molto il pan di spagna, di solito uso la ricetta di una torta allo yogurt molto semplice di cui vi metterò la ricetta nelle prossime settimane, a volte invece, non mi vergogno affatto di dirlo, ho usato una base per torta confezionata tagliata a strati, il risultato è sempre stato soddisfacente.

Ingredienti

Crema
1/2 litro di latte
50 grammi di farina
65 grammi di zucchero
1 bustina di vanillina

Altri Ingredienti
Pesche (volendo potete usare quelle sciroppate)
Frutta per decorare (nel mio caso uva e fragole)
Panna Montata

Procedimento

Per la crema dovete far scaldare il latte nel microonde. In un pentolino intanto mescolate zucchero, vanillina e farina. Quando il latte è caldo aggiungetelo al composto a cucchiaiate, mescolando intanto per non far formare grumi. Una volta aggiunto tutto il latte mettete il pentolino sul fuoco e cuocete continuando a mescolare. Quando la crema si sarà addensata spegnete e mettete a raffreddare.

Per comporre la torta tagliate la base in due o tre strati. Bagnate la torta con una bagna a base di acqua e zucchero o con del semplice latte, se invece non ci sono bambini potete anche usare una bagna alcolica. Farcite con la crema e sopra la crema disponete le pesche tagliate a fettine sottili sottili, coprendo tutta la superficie. Ripetete nel caso abbiate optato per i tre strati. Una volta coperto bagnate anche il coperchio della torta con la bagna e poi ricoprite con la panna montata. Decorate con la frutta rimasta e conservate in frigorifero almeno un paio di ore. Estraete la torta dal frigo 20 minuti prima di servirla (in estate non è necessario).

Fatemi sapere se la farete, vi assicuro che è strepitosa!!

A presto!!

Elisa

lunedì 26 marzo 2018

Preparativi in corso!

Tra qualche settimana festeggeremo il sesto compleanno della nostra bambina. Sei anni... un traguardo importante. Si incomincia a diventare grandi. A Settembre inizierà la scuola e nonostante io sia da un lato tranquilla perché Viola è sicuramente pronta a questo grande passo io non penso di esserlo. Mi sembra ieri che preparavo le sue tutine da neonata e iniziavo il conto alla rovescia per la data presunta del parto... Doveva nascere intorno al 15 Aprile, lei si è fatta attendere, non troppo ma quel po' giusto a far capire fin da allora il caratterino che avrebbe avuto. Il 18 Aprile 2012 la giornata era iniziata come le altre, sveglia alle 7 e colazione con mio marito prima che lui andasse al lavoro. Durante la colazione ecco arrivare le prime contrazioni. In silenzio ho finito e come se nulla fosse mi sono messa a finire il fiocco da attaccare al cancello e quello piccolo da portare in ospedale. Marco, mio marito, è andato al lavoro come al solito e io sono rimasta a casa con la dolce Theodora e mia madre.
Finiti i fiocchi ho deciso che era il momento di informare mia madre dei dolori e di telefonare a Marco per dirgli che era ora di tornare a casa perché Viola voleva conoscerci. Viola è nata quella sera alle 22.50. Fuori pioveva a dirotto ma per noi c'era il sole. Lo stesso sole che lei ha dentro di se sempre. Difficilmente la troverete imbronciata e se succede dura davvero poco, basta un sorriso e lei si scioglie regalando a chiunque i suoi sorrisi gioiosi e arricciando il suo bellissimo nasino.

Come dicevo all'inizio del post tra qualche settimana festeggeremo, per cui sto iniziando i preparativi per la festicciola. Mentre lo scorso anno il tema scelto era stato "Dory" la famosa pesciolina amica di Nemo, quest'anno il tema scelto è "Pulcini e Galline!".
A Settembre infatti sono arrivate in famiglia tre bellissime galline ovaiole che vivono in un pollaio castello nel mezzo del nostro orto. Queste tre galline sono risultate fin da subito molto docili ed affettuose, devono aver capito subito che a casa nostra moriranno di vecchiaia... Si fanno coccolare, prendere in braccio e quando vedono arrivare Viola si sciolgono in brodo di giuggiole. Lei ovviamente le adora e le ha ribattezzate "Stella, Fiore e Amore" e le adora almeno quanto loro adorano lei.
Il suo pupazzo preferito è un pulcino giallo preso alla Coop un paio di anni fa con una raccolta punti. Questo pulcino, ribattezzato "Cip" è diventato il suo migliore amico, la segue ovunque e sono inseparabili.
Ora potete ovviamente capire come mai la scelta del tema per la sua festicciola sia ricaduta sui pulcini e sulle galline.

Ho già segnato parecchie idee, galline realizzate con piatti di carta e cartoncino colorato, palloncini gialli trasformati in simpatici pulcini, inviti con galline e pulcini (grazie Canva.com), torta con gallina di cioccolato presa al Lidl circondata da teneri pulcini gialli che per fortuna nel periodo in cui siamo si trovano ovunque e infine anche il regalino per gli amichetti a tema pulcini!

Spero di sopravvivere ai preparativi, in ogni caso vi aggiornerò nei prossimi giorni con qualche foto!!

A presto!!

Elisa

martedì 20 marzo 2018

Penne con Caprini, Rucola e Pomodorini

In questi giorni di pioggia e freddo ho spesso voglia di qualcosa da mangiare che mi ricordi l'estate...
Qualche giorno fa mio marito è andato a fare la spesa ed è tornato a casa con tre degli ingredienti principali del nostro piatto estivo preferito, il quarto lo avevo già in casa.
Un paio di sere dopo ci siamo così ritrovati insieme ai fornelli per preparare le Penne con Caprini, Rucola e Pomodorini. Viola ci guardava un po' perplessa, a lei la rucola non piace per cui le ho preparato un tenerone di prosciutto cotto con pomodorini a spicchi.
Noi invece ci siamo mangiati un bel piatto di penne e devo dire che questa volta sono venute ancora più buone del solito, forse perché era davvero tanto che non le facevamo.
Comunque vi lascio la ricetta, credetemi che mangiando questa pasta per qualche istante vi sembrerà davvero di essere in estate a pranzare sotto al gazebo in giardino...

Penne con Caprini, Rucola e Pomodorini



Ingredienti per 2 persone
160 gr di Penne
2 Caprini di Latte Vaccino
8 Pomodorini
Rucola a piacere
Olio EVO
Sale qb
Pepe qb

Procedimento
Portate a ebollizione una pentola di acqua salata e fate cuocere le penne.
Mentre le penne cuociono mettete in una padella un filo di olio EVO, i caprini, i pomodorini e una manciata abbondante di rucola tritata. Fate cuocere a fuoco medio aggiungendo se necessario un mezzo mestolo di acqua della pasta per far sì che i caprini si sciolgano formando una deliziosa crema.
Quando la pasta è cotta scolatela e mettetela nella padella facendola saltare per un paio di minuti con il condimento.
Impiattate e aggiungete rucola a piacere nel piatto.

Buon Appetito!!

Elisa

venerdì 16 marzo 2018

Risotto con Crema di Carciofi

La mia bambina va pazza per il risotto. Fin da quando era piccina le è sempre piaciuto moltissimo. Ricorderò sempre il giorno in cui, di ritorno da fare compere, abbiamo deciso di fermarci a pranzare in una trattoria lungo la strada. Una rapida occhiata al menù e abbiamo ordinato. Per me e mio marito risotto con funghi e salsiccia, per lei, ai tempi aveva 2 anni e mezzo, pasta al pesto.
Com'era il risotto? Chiedete a lei e a mio marito, alla fine a me sono toccate le penne!
Comunque crescendo ha iniziato a fare qualche capriccio sul cibo, soprattutto se di colore verde e arancione. Qualche sera fa però avevamo voglia di un buon risotto ai carciofi e non avevo nessuna intenzione di cucinare due cose diverse, così ho insistito perché lo assaggiasse e come immaginavo lo ha mangiato di gusto anche se verde! Ovviamente per renderlo più appetibile ho preferito ridurre i carciofi in crema e aggiungerli a metà cottura al risotto e ha funzionato alla grande.
Devo dire che tutto sommato la ricetta è piaciuta molto anche a noi, tanto da aver appunto deciso di postarla sul blog. Siete pronti??

Risotto con Crema di Carciofi




Ingredienti x 4 persone
2 Carciofi Freschi
1 Cipolla Dorata
320 gr di Riso Carnaroli
Brodo Vegetale qb
Olio EVO qb
Burro qb
Formaggio Grana qb
Vino Bianco per sfumare

Procedimento
Pulite i carciofi e tagliateli a striscioline. Nel frattempo fate rosolare in padella una cipolla tritata. Aggiungete i carciofi, fate rosolare qualche minuto, aggiungete il brodo vegetale e fate cuocere per 15 minuti circa.
Una volta cotti i carciofi frullateli con il minipimer, aggiungendo se necessario un mestolo di brodo. Mettete da parte la crema.

Scaldate un cucchiaio di olio e fate tostare il riso in padella, una volta tostato sfumatelo con il vino bianco.
Quando il vino è evaporato iniziate la cottura del risotto con il brodo bollente.
A metà cottura del riso aggiungete la crema di carciofi e proseguite continuando ad aggiungere brodo vegetale se necessario. A cottura ultimata mantecate con due o tre pezzetti di burro e una manciata generosa di formaggio grana. Coprite con un coperchio, spegnete il fuoco, lasciate riposare qualche istante e poi servite ben caldo.

Buon appetito!!

Elisa